NANO TECH PROJECTS, la startup che si batte per la diagnosi precoce dei tumori

NANO TECH PROJECTS (NTP) è  la prima startup innovativa "a vocazione sociale" in Italia, che si batte per la diagnosi precoce dei tumori, sviluppando costantemente  i propri processi di ricerca. 

Come noto, l’incidenza dei tumori in Italia, non accenna a diminuire. Per tale ragione, la diagnosi precoce rappresenta l’antidoto principale per contrastare la mortalità dovuta a patologie oncologiche.

In un simile contesto, ben vengano realtà come NTP – Nano Tech Projects –  startup italiana nata nel 2012 che opera nei settori delle biotecnologie e nanotecnologie e che ha sede nella città di Sant'Angelo in Vado, nella provincia di Pesaro-Urbino.

In dettaglio, NTP da aprile 2015 è stata riconosciuta come la prima "Startup innovativa a vocazione sociale" in Italia in accordo alle Linee Guida del Ministero dello Sviluppo economico, in considerazione dell’impegno nel supportare e favorire i processi di riorganizzazione e ottimizzazione delle strutture sanitarie e nel generare un impatto sociale trasversale che miri al miglioramento delle condizioni di vita della collettività.

Il core business di NTP è la ricerca e lo sviluppo, nonché la realizzazione di soluzioni e prodotti per la rilevazione ottica in campo del biomedicale: segnatamente, la cattura, la gestione e il trasferimento di immagini di campioni istologici con elevato vantaggio per l’interlavoro fra reparti o fra ospedali, ma anche l’impiego di un’innovativa tecnologia per la rilevazione di virus basata su impiego di biosensori ottici e nano-particelle, sono fra le attività principali dei nostri progetti di ricerca e sviluppo nel campo medicale.

Nonostante la recente costituzione dela società, l’expertise di NTP in questo ambito è certamente elevata: si pensi che ancora in fase di startup è stata implementata una tecnica innovativa basata sull’identificazione del virus HPV (Human Papilloma Virus) e dei relativi genotipi attraverso un solo campione di DNA del paziente, l’indagine dello stato dell’infezione, dunque una diagnosi e un follow-up precoci.

Ancora, la startup ha iniziato a occuparsi di telemedicina e diagnosi per immagine, creando NED Nano-Eye Device, uno strumento opto-digitale che consente di osservare da remoto campioni di preparati istologici, citologici, ematologici o altri preparati montati su vetrino, al fine di fare in modo che tali sistemi consentano di condividere con altri specialisti medici immagini e dati favorendo il trasferimento di campioni istologici tra reparti e ospedali.

Risultati importanti, che meritano di essere sostenuti. Da questo punto di vista, posto che – come noto – la ricerca necessita di fondi per essere sviluppata, NTP ha ricevuto un finanziamento di 600mila euro, grazie all’investimento di Italian Angels for Growth, gruppo italiano di business angel attivo nei settori innovativi come biomedicale, Internet, cleantech, Information Technology.

Un introito  importante per continuare gli studi e avviare il processo per la validazione scientifica dei progetti, come altrettanto importante risulta il supporto scientifico assicurato a NTP da parte dell’Università di Tor Vergata e di Pesaro e Urbino

Gli screening oncologici sono essenziali per la salute e per la riduzione della mortalità. Per aumentarne l’efficienza è necessario potenziare tutti i processi che migliorano le capacità organizzative dei sistemi sanitari, la tecnologia e le conoscenze. Tutto questo è ciò che si propone NTV. 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *