MAKER FAIRE: Call for Schools

Come ogni anno alla Fiera di Roma dal 1 al 3 Dicembre si è tenuto il Maker Faire, l’evento che permette agli appassionati del settore di tenersi aggiornati sulle ultime novità del tech. Oltre alle proposte delle grandi aziende come Eni e Google, anche agli studenti è permesso presentare le loro idee sotto forma di startup.

 

Il progetto Call for Schools permette agli studenti di tutte le scuole secondarie dell’Unione Europea di aggiudicarsi uno stand alla fiera dove poter presentare la loro startup. Dopo una prima fase di selezione sono state scelte 55 squadre alle quali è stato dedicato un intero padiglione dell’evento.

 

Le proposte dei ragazzi sono state molto interessanti ma soprattutto molto diverse tra loro.

Da Monterotondo è arrivato il “Canto della Natura”, una bio-tastiera musicale che sfrutta la capacità conduttiva della frutta e della verdura; allo stesso tempo da Izola in Slovenia la “Coppo Neuro Racing”, una pista di automobiline comandate tramite impulsi celebrali.

 

Ancora in ambito musicale da Siena arriva “Arpa Laser” che, come si può intuire dal nome, è un’arpa che al posto delle classiche corde metalliche si suona “pizzicando” fasci di laser che corrispondono alle note del pentagramma. Un istituto tecnico di Sassuolo propone invece “Autodoc”, un dispenser automatizzato di medicinali pensato per aiutare gli anziani contrastando problemi di memoria e di vista. Una volta programmato, fornisce la pillola all’ora del giorno indicata avvisando con un segnale sonoro.

Utilissima l’idea che arriva da un gruppo di ragazzi di Biella: “Caesar AI-robot Rescue”. Il robot presentato al Maker Faire è in grado di muoversi su terreni accidentati e di identificare persone  in situazioni di pericolo, permettendo ai soccorsi di operare più velocemente in seguito a catastrofi naturali. Una volta individuata la posizione dell’individuo da aiutare allora il robot invia un segnale ai soccorritori e mostra su uno schermo dove recarsi.

 

Altra interessante proposta è quella della “T-Health”, una t-shirt dotata di sensori adibiti al monitoraggio di parametri fisiologici. Una volta raccolti, i dati vengono inviati all’apposita app che li analizza ed eventualmente segnala un problema.

Questi e molti altri sono I progetti innovativi che come ogni anno vengono presentati al Maker Faire dove tutti hanno la possibilità di farsi notare anche dalle grandi aziende e di vincere il premio Maker of Merit.
Nel campo delle energie rinnovabili spicca il progetto “Wind Turbine”, una pala eolica dalle dimensioni ridotte pensata per produrre l’energia elettrica necessaria per una singola abitazione e facilmente gestibile tramite un apposito quadro elettrico.

 

 

di Krizia Incarnato

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *