Kimap, l’app che migliora la mobilità dei disabili

Kimap è un'app di Kinoa, startup fiorentina certificata dal 2016. Il suo obiettivo è quello di abbattere le barriere architettoniche, creando una mappatura sempre aggiornata dei percorsi cittadini.

In molte aree urbane e soprattutto extraurbane vi sono ancora varie difficoltà per quanto riguarda la mobilità delle persone che si muovono tramite ausili, come sedie a rotelle, triride o scooter.
Nonostante il progresso abbia comunque portato notevoli miglioramenti in questo ambito, sorgono ancora molti, troppi problemi. Essi rappresentano delle vere e proprie barriere architettoniche per i disabili, che spesso si trovano davanti ad impedimenti enormi, i quali non gli consentono di raggiungere strade, sentieri o punti di interesse.
In questo contesto si inserisce Kinoa, startup fiorentina i cui fondatori sono Marco Scarselli e Lapo Cecconi e la cui mission è la realizzazione di prodotti innovativi attraverso l'integrazione di Big Data e tecnologie di Internet of Things
Questa azienda ha così unito il suo obiettivo alla lotta per le scomodità dei disabili, creando Kimap.
Tale app consiste in un ecosistema digitale di mappatura.

COME FUNZIONA

Kimap funge da vero e proprio navigatore. Tramite un dispositivo, installato direttamente sulle carrozzine e collegato alla rete satellitare, è possibile vedere la propria posizione in stile gps e aggiornarla in tempo reale. La differenza sta però nel fatto che la mappatura suggerisce il tratto di strada migliore in base ai canoni richiesti. Prima di calcolare il percorso, infatti, bisogna inserire il livello di qualità del terreno desiderato e in base alla selezione cambierà il tragitto consigliato. Sulla mappa sono poi segnalati i vari ostacoli che si possono incontrare, i punti d'interesse da poter visitare e il livello di difficoltà dei vari tratti percorribili. 
Ogni utente fa poi parte della community dei Kimappers. Ognuno può infatti segnalare in ogni momento degli impedimenti in ogni angolo del pianeta, oppure consigliare i percorsi più comodi e sicuri. A ciò si aggiunge un sistema di automazione del dispositivo di geolocalizzazione che, grazie a degli algoritmi sviluppati presso il laboratorio SoBigData del CNR di Pisa, aggiorna la mappa secondo per secondo per tutti gli utenti di Kimap.
Quest'app, pertanto, propone di migliorare la mobilità e quindi l'autonomia delle persone disabili.
Oggi il progetto è già avviato e dal primo marzo è uscita l'app alpha Kimap. Il team pertanto è vicino ad una piena operatività e sta già operando sul territorio di Firenze, aggiornando ogni giorno la mappatura.
Il prossimo passo è esportare questa idea fuori dal capoluogo toscano e, chissà, anche fuori dall'Italia.

 

 


Fonti: Comunicati stampa di Kimap


Di Andrea Candelaresi

 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *