BeMyEye: 9 milioni di finanziamento per l’app che mette “gli occhi” degli utenti al servizio delle imprese

 

 

 

 

 

 

 

 

Si chiama BeMyEye ed è ormai diventata una case history di rilievo internazionale seguita con attenzione da tutti: la società ha infatti recentemente ottenuto (nel “Round C”) un finanziamento di 9 milioni di euro dopo i notevoli traguardi già raggiunti in passato grazie ad un’app che permette di trasformare gli utenti in “occhi” al servizio delle grandi aziende.

A convincere non solo gli investitori, ma anche clienti come Mattel, Ferrero, MSC Crociere, Pepsi, Nestlé o Samsung, è stata proprio l’idea alla base dell’app targata BeMyEye, che consente a privati cittadini di ricevere una remunerazione in cambio della loro disponibilità a controllare, in giro per strade, supermercati o punti vendita, che eventuali promozioni siano state correttamente attivate, che determinati prodotti siano giustamente distribuiti oppure, ancora, che l’esecuzione di affissioni pubblicitarie avvenga in maniera regolare. Solo per fare qualche esempio.

In questo modo i brand hanno la possibilità di “vedere”, grazie agli occhi degli utenti e ad analytics o gallerie fotografiche disponibili online, cosa accade in tempo reale in migliaia di location (la società permette di svolgere rilevazioni in 19 nazioni europee), potendo così misurare, in breve tempo e a costi contenuti, l’execution delle attività sul territorio, ottimizzando al tempo stesso lo sviluppo.

Un meccanismo, questo, che ha reso BeMyEye (società italiana fondata nel 2011 da Gian Luca Petrelli) leader dell’in-store data via crowdsourcing, con oltre 500.000 utenti che forniscono insights a medie e grandi imprese clienti direttamente dai punti di vendita.

Un finanziamento che fa ben sperare per il futuro.

Dopo aver già aperto uffici a Milano, Londra, Parigi e Madrid, il recente aumento di capitale di 9 milioni di euro (a cui hanno preso parte anche altri soci finanziari già presenti nella compagine azionaria come 360 Capital Partners, Programma 101 e Nauta Capital), permetterà a BeMyEye di espandere ancora di più la sua attività a livello internazionale.

Di questi 9 milioni, 6,3 sono stati versati, a fronte della sottoscrizione di una quota di minoranza, dal nuovo fondo FII Tech Growth, gestito da Fondo Italiano d’Investimento SGR e dedicato all’assunzione di partecipazioni di minoranza (ed eccezionalmente di maggioranza) nel capitale di piccole e medie imprese italiane ad elevato contenuto tecnologico, già finanziate da altri Fondi di Venture Capital oppure di natura interamente imprenditoriale.

L’ingresso di Fondo Italiano – ha dichiarato Luca Pagano, CEO di BeMyEye – rappresenta un passo fondamentale nella fase di crescita dell’azienda. Abbiamo ambizioni globali, con una domanda sempre crescente da parte di grandi clienti internazionali che ci spingono ad entrare velocemente in nuovi mercati. Questa nuova iniezione di capitale sarà volta soprattutto ad accelerare l’espansione geografica e la standardizzazione su scala globale dei nostri prodotti chiave”.

“Stiamo cercando di definire delle misurazioni standard, le più richieste dalle aziende, che possano integrarsi direttamente nei loro software per il marketing”, ha inoltre spiegato Pagano, come riportato anche da Repubblica.it, “nel frattempo ci piacerebbe continuare nel consolidamento di questo settore, che in Europa è ancora frammentato”. La società ha già acquisito uno dei suoi concorrenti europei, la francese LocalEyes, ma un’altra acquisizione potrebbe arrivare a breve.

Per quanto riguarda il punto di vista di FII Tech Growth, primo fondo italiano di late-stage venture capital (con un target di raccolta di 150 milioni di Euro), Carlo Mammola, Amministratore Delegato di FII SGR, ha dichiarato che “con l’investimento effettuato in BeMyEye prende ufficialmente il via l’attività di sostegno da parte di FII Tech Growth alle nostre PMI ad elevato tasso tecnologico, con l’obiettivo di supportarne la crescita e di rafforzarne la competitività a livello internazionale”.

 

di Beatrice Moraldi

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *